Buon pomeriggio anonimo - esegui il login:

Condividi

GRUPPO:
immagine in primo piano

Gastronomia Palermitana

Le mille sfaccettature di una delle cucine più ricche al mondo per varietà e bontà

Categoria: Gastronomia
Numero iscritti: 13

Gestito da:

immagine in primo piano
Associazione Spaghettitaliani
San Giorgio a Cremano (Napoli)
admin@spaghettitaliani.com

Ultimi 13 iscritti

pasqualefranzese

stefanobartolucci

robertolombardo

fabiolicandro

tavernadeipirgiani

cuochino

faraone

luigi

achmrt

lucrezia

associazionesi

angelaviola

luigifarina8



prodotto da:

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Benvenuto su: Gastronomia Palermitana
Ricette

torna all'elenco Ricette

Gnocchi di patate con cardoncello selvatico del sulcis in salsa bianca

Ricetta inserita da pasqualefranzese

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Primi - Gnocchi

Dosi per: 10

800 gr gnocchi di patate "cotti e raffreddati"
200 gr funghi cardoncelli " detti anche Cardarelli o Pleurotus eryngii"
10 gr aglio
50 ml olio evo
10 gr prezzemolo tritato
1 l salsa besciamella
5 gr pepe bianco
50 gr grana grattugiato
200 gr pomodorini

Esecuzione:

Spadellare in una padella a fiamma vivace con olio e aglio i funghi tagliati a Julienne.
Spadellare in una padella a fiamma vivace con olio e aglio i pomodorini tagliati a quattro.
Eliminare l'aglio dai due composti.
Nella padella spadellare i funghi e pomodorini con gli gnocchi, se c'è bisogno aggiungere un po di acqua.
Versare la salsa besciamella e mantecate con del grana e pepe.
Servire con prezzemolo fresco tritato.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina Meloni: Jaccia è un è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata, Monica di Sardegna ottenuto da uve Monica in purezza.

Note:

I Cardarelli o Cardoncellio Pleurotus eryngii sono diffusi nel sud Italia, crescono anche in Sardegna dove viene chiamato "cardolinu de petza"che significa "fungo di carne". Il cardoncello cresce in luoghi erbosi, nei pascoli e nelle zone incolte, in presenza di piante appartenenti al genere Eryngium da cui prende anche il nome. I cardarelli crescono da fine estate fino ad autunno inoltrato.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

Commenti

per potere lasciare un commento si deve essere registrati ed effettuare il login in alto in questa pagina