Buon pomeriggio anonimo - esegui il login:

Condividi

GRUPPO:
immagine in primo piano

Gastronomia Palermitana

Le mille sfaccettature di una delle cucine più ricche al mondo per varietà e bontà

Categoria: Gastronomia
Numero iscritti: 13

Gestito da:

immagine in primo piano
Associazione Spaghettitaliani
San Giorgio a Cremano (Napoli)
admin@spaghettitaliani.com

Ultimi 13 iscritti

pasqualefranzese

stefanobartolucci

robertolombardo

fabiolicandro

tavernadeipirgiani

cuochino

faraone

luigi

achmrt

lucrezia

associazionesi

angelaviola

luigifarina8



prodotto da:

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Benvenuto su: Gastronomia Palermitana
Ricette

torna all'elenco Ricette

Culurgionis al pomodoro e basilico

Ricetta inserita da pasqualefranzese

Autore della Ricetta:

Pasquale

Chef e Docente di ristorazione

Primi - Pastasciutte

Dosi per: 10

Ingredienti per la pasta:
500 gr. di semola
500 gr. di farina 00
100 ml. olio exstravergine d'oliva
5 gr. sale fine
acqua tiepida quanto basta

Ingredienti per il ripieno:
8 patate medie bollite
100 gr di formaggio fresco caprino
30 gr cucchiai abbondanti di pecorino grattugiato
menta fresca (se secca almeno tre cucchiaini)
5 gr. aglio
50 ml. cucchiai di olio

Salsa di pomodoro:
2,5 kg pelati
50 ml. olio evo
20 gr. cipolla tritata

Esecuzione:

Ripieno: ridurre le patate in purea con uno schiacciapatate, insaporire le patate con formaggio pecorino e olio aromatico "riscaldate l'olio, aggiungete l'aglio, lasciate scaricare l'aroma, togliere dall'olio l'aglio, aggiungere all'olio la menta tritata". Formate delle sfere da 8gr.
Stendete la pasta allo spessore di 4mm e tagliare con un coppapasta cm10, mettete il ripieno fatto al centro della sfoglia di pasta e chiudete la pasta pizzicandola con le dita fino a formare una spiga.

Salsa di pomodoro: fare una salsa di pomodoro molto semplice con olio, cipolla e pelat1

Assemblaggio: servire i culurgiones con la salsa di pomodoro e basilico.

Regione: Sardegna

Vino:

Sonos è un vino rosso ottenuto da uve autoctone sarde.
Vino di colore rosso brillante chiaro, dal profumo vinoso e delicato. In bocca si presenta secco, acidulo e sapido. Servire a 14 - 16 °C con minestre e piatti di carne. Ottimo con salumi e formaggi.

Note:

in base alle zone della Sardegna i formaggi cambiano,
nell'Ogliastra e nelle zone interne vengono preparati con pasta fresca di semola di grano duro e un ripieno di pecorino sardo (fresco di uno o due giorni;
nella Barbagia, importati sempre dall'Ogliastra, sono ripieni di pecorino fresco e vengono conditi con un sugo di pomodoro e carne di maiale a cubetti, o in alternativa con sugo di pomodoro e salsiccia fresca, il tutto condito da pecorino stagionato grattugiato;
nella Sardegna meridionale, e in genere nel Campidano, si tratta di una sorta di ravioli preparati con pasta fresca di semola di grano duro con un ripieno di ricotta fresca di pecora o di capra, uovo e zafferano (e l'aggiunta in alcuni casi di pecorino sardo, bietole o spinaci), conditi, dopo la cottura, con sugo di pomodoro fresco e basilico ed una spruzzata di buon pecorino.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

Commenti

per potere lasciare un commento si deve essere registrati ed effettuare il login in alto in questa pagina