Buona notte anonimo - esegui il login:

Condividi

GRUPPO:
immagine in primo piano

Gastronomia Palermitana

Le mille sfaccettature di una delle cucine più ricche al mondo per varietà e bontà

Categoria: Gastronomia
Numero iscritti: 13

Gestito da:

immagine in primo piano
Associazione Spaghettitaliani
San Giorgio a Cremano (Napoli)
admin@spaghettitaliani.com

Ultimi 13 iscritti

pasqualefranzese

stefanobartolucci

robertolombardo

fabiolicandro

tavernadeipirgiani

cuochino

faraone

luigi

achmrt

lucrezia

associazionesi

angelaviola

luigifarina8



prodotto da:

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Benvenuto su: Gastronomia Palermitana
Ricette

torna all'elenco Ricette

Crema parmentier e seppia scottata alle noci servita con ortaggi croccanti

Ricetta inserita da pasqualefranzese

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Secondi - Pesce

Dosi per: 10

800 gr crema parmentier
10 n° seppioline fresche da gr 150
10 n° gherigli di noci
100 gr citronette
200 gr pomodri maturi
300 gr sedano
60 gr scalogno

Esecuzione:

Lavare e tagliare il sedano a chiffonade, immergere in acqua e ghiaccio per un'ora.
Scottare le seppioline in padella antiaderente a fiamma vivace, per pochi minuti.
Tagliare le seppioline a chiffonade e lasciare marinare con la citronette.
Sbianchire lo scalogno.
Predisporre in un piatto fondo la crema parmantier, al centro mettere il sedano precedentemente scolato, adagiare le seppioline sul sedano.
Completare con i gherigli di noci, scalogno e cubi di pomodoro.
Servire con olio evo e pepe macinato.

Regione: Francia/Sardegna/Campania

Vino:

Cantina Meloni:Le Sabbie è un vino bianco a Denominazione di Origine Controllata, Vermentino di Sardegna ottenuto da uve Vermentino.

Note:

Antoine Augustin Parmentier
(Montdididier 1737 - Parigi 1813), è stato un agronomo, igienista e nutrizionista francese. Fu farmacista nell'esercito durante la guerra dei sette anni, contro l'Inghilterra e la Prussia. Durante la sua detenzione in Germania, in un carcere prussiano scoprì le qualità nutritive della patata. In segno di gratitudine gli vennero intitolate diverse preparazioni a base di patate, come le uova Parmentier, pasticcio Hachis Parmentier, la crema Parmentier. Lavorò anche sui cereali e stava prevedendo anche la tecnica della conservazione a freddo degli alimenti. Fu uno dei fondatori della Scuola di Fornai in Francia.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

Commenti

per potere lasciare un commento si deve essere registrati ed effettuare il login in alto in questa pagina