Buon pomeriggio anonimo - esegui il login:

Condividi

GRUPPO:
immagine in primo piano

Gastronomia Palermitana

Le mille sfaccettature di una delle cucine più ricche al mondo per varietà e bontà

Categoria: Gastronomia
Numero iscritti: 13

Gestito da:

immagine in primo piano
Associazione Spaghettitaliani
San Giorgio a Cremano (Napoli)
admin@spaghettitaliani.com

Ultimi 13 iscritti

pasqualefranzese

stefanobartolucci

robertolombardo

fabiolicandro

tavernadeipirgiani

cuochino

faraone

luigi

achmrt

lucrezia

associazionesi

angelaviola

luigifarina8



prodotto da:

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Benvenuto su: Gastronomia Palermitana
Ricette

torna all'elenco Ricette

Goccia di semola

Ricetta inserita da pasqualefranzese

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Pane - Pane

Dosi per: 10

800 gr semola fine
200 gr semola rimacinata
200 gr di pasta acida(lievito naturale o pasta di riposo)
25 gr di sale
5 gr malto
700/750 ml acqua
50 ml olio evo

Esecuzione:

Versare le farine nell'impastatrice, lasciare mescolare il tutto con la pasta acida tagliata a pezzettoni.
Aggiungere il sale, poco per volta l'acqua e il malto "in sostituzione il miele".
Dopo qualche minuto aggiungere l'olio.
La pasta deve risultare soffice ed elastica.
Lasciare spuntare la pasta in un contenitore oleato con coperchio.
Prima di foggiare la pasta dare due volte le pieghe all'impasto.
Foggiare le gocce di semola:
creare delle strisce larghe 4 cm lunghezza a piacere.
Tagliare le strisce a triangoli isosceli.
Disporre sulla teglia con carta da forno i triangoli dalla parte umida.
Insemolare le gocce sulla superficie coprendole con un telo.
Lasciare spuntare ed infornare a 210°C per 25/30 min.
Umidità del 60% per i rimi 10min.

Regione: Sardegna/Italia

Vino:

Cantina Meloni: Monica di Sardegna (Sardegna Antica) è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata Monica di Sardegna.

Note:

Il grano duro in Sardegna ha avuto da sempre un ruolo importantissimo, tant'è che attorno ad aratura e semina, mietitura e macinazione del grano sono cresciuti usi e consuetudini che definiscono tanta parte della cultura made in Sardinia. Gli stessi ambienti della casa campidanese rispecchiano le fasi del lavoro che portava alla preparazione del pane e della pasta: da "sa domu de sa farra" (la stanza della farina) dove le donne setacciavano con "su cibiru" il fior di farina dalla semola "sa simbua" e dalla crusca "su poddini".

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

Commenti

per potere lasciare un commento si deve essere registrati ed effettuare il login in alto in questa pagina