Le Ricette di Pasquale Franzese - Chef

Pasquale Franzese

             

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 09/02/2019 alle ore 16.56.29

Grissini al sesamo

Pane

Questa ricetta, nel giorno 21-08-2019, è stata vista 0 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 0 volte, nel 2017 è stata vista 0 volte,
e nel 2018 è stata vista 0 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Dosi per: 10

500 gr di farina 00 "forza media"
220/250 ml di acqua tiepida
40 gr olio evo
5 gr di lievito di birra
5 gr malto
10 gr sale
-------------------------
olio evo
50 gr semi di sesamo

Regione: Piemonte/Sardegna

Esecuzione:

Impastare tutti gli ingredienti tranne il sesamo.
Lasciare lievitare 50 minuti l'impasto oleato.
Tagliare il filone a strisce del peso desiderato, stirare o arrotolare sino ad ottenere i grissini e mettere sulle teglie con il sesamo.
Infornare subito i grissini appena quelli stirati, se li fate arrotolati lasciateli per qualche minuto prima di infornare.
Cottura a 190° C circa per 12-15 minuti circa.
Lasciare asciugare per almeno un'oretta.

Vino:

Cantina Piero mancini: Burberino Frizzante, vino Frizzanre Rosso.
Gustosissimo vino frizzante rosso, ottenuto per spremitura leggera da uve rosse.

Note:

Il grissino torinese risale al 1675, quando il dottore di Vittorio Amedeo II di Savoia consigliò al suo paziente, di mangiare un tipo di pane secco, perchè non riusciva a digerire la mollica del pane, così diede indicazioni Antonio Bruero il fornaio di Lanzo Torinese di creare un pane senza mollica, questa particolare forma di pane secco, digeribile e conservabile a lungo, ha avuto molto successo in tutto il mondo. Il re sabaudo Carlo Felice amava gustarli e sgranocchiarli anche a Teatro e Napoleone istituì persino un servizio di corriera Torino-Parigi dedicato prevalentemente al trasporto di questi grissini friabili che chiamava “les petits bâtons de Turin”. La più antica forma di grissino è il “robatà” che, nel dialetto piemontese, significa caduto o rotolato, di una lunghezza di 40-80 cm di forma arrotolata. Una seconda categoria di grissino è quella “stirata”, dove la pasta viene allungata tenendola dai lembi per la lunghezza delle braccia, che diventano più friabili e fragranti. Esistono grissini con più gusti, con origano, sesamo, cumino e anche al pomodoro o alle olive.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


-Grissini al sesamo ( - )

-Grissini al sesamo ( - )

-Grissini al sesamo ( - )

-Grissini al sesamo ( - )














Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.