Le Ricette di Pasquale Franzese - Chef

Pasquale Franzese

             

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 28/11/2016 alle ore 07.01.26

Succùfa/ Succu‘e faa/ Su succu ' fa “crema di fave secche”

Minestre e zuppe

Questa ricetta, nel giorno 23-08-2019, è stata vista 199 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 5.819 volte, nel 2017 è stata vista 26.737 volte,
e nel 2018 è stata vista 24.834 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Dosi per: 10

600 gr fave secche
20 gr pomodoro secco
10 gr cipolla
5 gr aglio
100 gr cotenna tagliata a pezzi
50 gr gerda o ciccioli
100 gr strutto o olio d’oliva
2 l acqua

Regione: Sardegna

Esecuzione:

Pestare le fave con un batticarne ed eliminare la buccia.
Nella pentola fare un soffritto con tutti gli ingredienti.
Versare le fave nel soffritto e coprire con acqua fredda il tutto.
Portare ad ebollizione a fiamma vivace, abbassare la fiamma e cuocere per 4ore.
La crema sarà pronta quando il tutto è abbastanza cremoso.
Servire tiepida con qualche crostone di pane CIVRAXIU.
Può essere servita anche con pepe nero appena macinato.

Vino:

Cantina Meloni: Is Morus è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata Monica di Sardegna.

Note:

È una ricetta antichissima che mi è stata data da un gruppo di amici Iglesienti, i loro ricordi risalgono alle loro famiglie, che all’epoca cucinavano questa pietanza semplice e deliziosa, in quel tempo veniva mangiata anche il giorno dopo, fredda.
In alcune preparazioni le fave vengono messe in ammollo il giorno prima, c’è anche chi aggiunge il semolino. La ricetta che ho postato è come la preparavano alcune famiglie Iglesienti.
Ringrazio a Giovanni, Bruno, Pinuccio e Carlo.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità



















Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.