Le Ricette di Luigi Farina - Blogger

Luigi Farina alias Il Cuochino

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 14/09/2009 alle ore 09.42.37

Delizie della dea Dafne

Creme, dolci al cucchiaio

Cuochino d'Oro 2017


voti ricevuti: 0

Questa ricetta, nel giorno 12-12-2018, è stata vista 131 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 0 volte, nel 2017 è stata vista 0 volte,
e nel 2018 è stata vista 1.182 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Sergio Manenti

Maitre - Siracusa

Dosi per: 6

8 crepes al carrubo siracusano
gelato di ricotta vaccina
25 g. di zucchero di canna
15 g. di riccioli di burro
2 limoni “femminello siracusano”
spremuta di arance q.b.
riduzione di carrubo q.b.
miele di timo di Solarino q.b.
zucchero impalpabile q.b.
cioccolato “del popolo del quinto sole”
mandorle “pizzute”di Avola
“Spiritu di vaschedda”

Regione: Sicilia

Esecuzione:

Profumare la padella con scorretta di arancia, far caramellare lo zucchero ed unire il burro, aggiungere il succo di arancia e le scorrette di arancia, fare restringere il tutto ed aggiungere le crepes al carrubo siracusano e fare amalgamare, preparare la padella e flambare con il leggendario “spiritu di vascedda” e fare insaporire il tutto.

Togliere le crepes dalla padella ed adagiarle in una coppa martini adagiandovi sopra il gelato di ricotta vaccina, le mandorle di Avola, la riduzione di carrubo siracusano, una delicata spolverata di zucchero impalpabile, il cioccolato modicano.

Disporre la coppa martini su un piatto a specchio e mettere l’elaborazione al flambe’ dentro un quadro esponendo il tutto come un’opera d’arte della città aretusea.

Vino:

Moscato di Siracusa

Note:

vedi articolo L'Arte del Flambage di Laura Gambacorta per la rubrica Parola di Chef: https://www.spaghettitaliani.com/ParolaChef/ParolaChef_0908.html

La realizzazione ed il nome di questo dessert, sono dovuti al fatto che il modo di preparazione di cottura e di consumo e’ un’arte dove l’estetica, la tradizione, la religione e la storia siciliana sono altrettanto importanti che il cibo stesso. Ogni fase coinvolta alla realizzazione di un dolce, riflette la più intima natura degli abitanti siracusani, i loro stati d’animo, il loro temperamento e i dolci siracusani hanno sempre sedotto per la ricchezza di profumi e sapori antichi e nella loro evoluzione hanno sommato il lento accumularsi di frammenti di storia quotidiana fatti dal continuo fluire di culture arrivando a costituire ai nostri giorni una tradizione dolciaria che si offre al mondo come uno tra i più autentici ed antichi valori culturali del mediterraneo.

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


Delizie della dea Dafne ( - )

















Copyright ©2018 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.