Le Ricette inserite su

spaghettitaliani.com

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 17/03/2006 alle ore 16.52.42

Piscitoccu a trappitara (Stoccafisso alla frantoiana)

Pesce

Questa ricetta, nel giorno 23-08-2019, è stata vista 0 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 0 volte, nel 2017 è stata vista 0 volte,
e nel 2018 è stata vista 199 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Carlo Baccellieri

Dosi per: 6

750 gr. di stoccafisso gia' ammollato
300 gr. di patate
300 gr. di pomodori pelati
due cipolle
50 gr. di capperi sotto sale
50 gr. di olive nere infornate
un bicchiere di vino rosso
due dl. di olio
peperoncino rosso calabrese
prezzemolo
sale

Regione: Calabria

Esecuzione:

Tagliate a fette sottili le cipolle e fatele imbiondire nell'olio d'oliva in un tegame, possibilmente di terracotta, aggiungendo dopo qualche minuto i pomodori ed il prezzemolo tritato. Salate, sminuzzate il peperoncino rosso, unitevi le patate tagliate in grossi pezzi, i capperi e lasciate cuocere per un quarto d'ora circa. Tagliate a pezzi lo stoccafisso, aggiungetelo alla salsa e bagnate con il vino, lasciando evaporare per qualche minuto, allungate con qualche mestolo d'acqua calda e lasciate cuocere a fuoco moderato per il tempo necessario che può variare da 15 minuti a circa un'ora, a seconda dell'ammollo dello stoccafisso. Infine, unite le olive e continuate la cottura per altri 10 minuti. Servite ben caldo.

Vino:

Rosso di Pèllaro

Note:

Era antica usanza nel reggino (ma anche nella piana di Gioia Tauro) che questa pietanza venisse offerta dal proprietario del frantoio ai suoi frantoiani tutte le volte che si crisciva l'olio e cioè si separava l'olio dall'acqua di lavorazione. Da qui il nome. Naturalmente lo stoccafisso veniva condito con una quantità terificante di olio di frantoio appena spremuto.

Oggi la tradizione si è estesa alle costruzioni edili per cui il costruttore offre u piscistoccu ai suoi operai tutte le volte che si getta l'ultima soletta dell' edificio e si issa la bandiera tricolore.

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità



















Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.