Le Ricette di Pasquale Franzese - Chef

Pasquale Franzese

             

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 14/01/2018 alle ore 18.32.10

Stoccafisso in guazzetto

Pesce

Questa ricetta, nel giorno 22-07-2019, è stata vista 59 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 0 volte, nel 2017 è stata vista 0 volte,
e nel 2018 è stata vista 17.500 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Dosi per: 10

2 kg stoccafisso ammollato
500 gr pezzettoni di pomodoro
10 gr capperi
80 gr olive nere denocciolate del Gargano
25 gr aglio
100 ml olio exstravergine d'oliva
10 gr origano
3 gr peperoncino
50 ml vino bianco secco

Regione: Campania

Esecuzione:

Nella padella fare un soffritto con aglio in camicia, olio, capperi, peperoncino e olive nere.
Aggiungere il pomodoro a pezzettoni e lasciare cuocere a fiamma alta per circa 15 minuti.
Nella padella con dell'olio caldo appoggiare i pezzettoni di stoccafisso, bagnare con vino bianco, dopo che evapora il vino, aggiungere il sugo di pomodoro.
Lasciare cuocere il tutto con un coperchio per 15minuti.
A fiamma spenta aggiungere l'origano e servire a tavola.

Vino:

Cantina Piero Mancini: Burberino Frizzante, vino Frizzanre Rosso
Gustosissimo vino frizzante rosso, ottenuto per spremitura leggera da uve rosse. Un uvaggio che dona particolare fragranza ad un vino delicato, magnifico aperitivo e degno compagno di piatti a base di pesce.

Note:

Lo stoccafisso in dialetto napoletano detto anche “Stocco” o “Stoc”, è un merluzzo originario della Norvegia (Gadus morhua) e viene conservato per essiccazione. Si differenzia dal baccalà sia per il gusto che per il tipo di conservazione (il baccalà è conservato per salatura). La scoperta, da parte dei norvegesi, che questo pesce pulito e appeso per la coda, si seccava senza “sciuparsi” all’aperto dei climi freddi e asciutti del Nord, ne fece una riserva preziosa, anche economica, valida anche come moneta di scambio. Probabilmente già nel XIV secolo lo stoccafisso arrivò in Italia attraverso le Repubbliche marinare di Venezia e di Genova. Ed infatti Genova e Venezia, le due più famose repubbliche marinare, sono le città con la maggiore arte e tradizione nel cucinarlo.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


-stoccafisso in guazzetto ( - )


-stoccafisso in guazzetto ( - )


-stoccafisso in guazzetto ( - )


-stoccafisso in guazzetto ( - )











Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.