Biografia

Entra nel Forum dedicato a Gasparazzo

Gasparazzo, oltre ad essere identificato con un fumetto degli anni '70, è il nome di una “bandabastarda” che miscela in modo irresistibile rock, reagge, balcan, impegno sociale e molto altro.

Attivi dal 2003 i Gasparazzo si sono costruiti una solida reputazione live sia in Italia che all'estero. Con un atteso disco d'esordio in arrivo i Gasparazzo sono uno dei nomi da non perdere per la stagione 2007!



Nel giugno 2003 dalle ceneri degli abruzzesi Squit Squit, (in attività dal 1999) due dei componenti, Alessandro Caporossi e Generoso Pierascenzi, decidono di fondare un nuovo gruppo: Gasparazzo (il nome è tratto da un personaggio dei fumetti degli anni settanta di Roberto Zamarin).

In questa nuova avventura si uniscono il batterista Lorenzo Lusvardi di Correggio e D. Assohoun, bassista della Costa d’Avorio Il quartetto elabora, grazie alle diverse provenienze socio-culturali dei componenti, un set che integra ritmi e melodie di carattere rock, reggae ed afro, utilizzando anche elettronica e campionamenti che accompagnano canzoni contenenti un buon mix di lingua italiana e dialetto abruzzese (teramano).

Nel Settembre 2004 i Gasparazzo si aggiudicano il primo premio al "Festival delle Arti" di Bologna, ideato e diretto da Andrea Mingardi. Ne seguono numerosi concerti in tutto il nord Italia oltre a varie tappe in Sicilia, Puglia, Sardegna ed anche in Germania dove il gruppo ha riscontrato notevole successo tornando per diverse tournee tra il 2005 ed il 2006.

Nei primi mesi del 2006 i Gasparazzo progettano e realizzano un importante viaggio in Africa (Costa D’Avorio) alla scoperta di radici ed alla ricerca di suoni ed ispirazioni…i Gasparazzo suonano più volte al Jamaika City, al centro PI-WI ed alla importante Radio Cote D’Ivoire e poi gente, comunità Rasta,oceano e radici delle musiche condiscono il ‘viaggione’.

Dal caldo dell’Africa Nera al gelo nord europeo, in strada nei locali pubblici e negli Squat tra Berlino, Monaco, Dorfen, Mittenwald, Gerstried per suonare e ballare col pubblico che diventa un tutt'uno con la banda.

Nel frattempo si progetta il nuovo disco e si ’muovono’ gli elementi all’inerno della banda... entra il nuovo polistrumentista Giancarlo Corcillo (fisa; tastiere, percussioni) e si cambia bassista: Nicola Bonacini ex Caravane De Ville entra e in poco tempo si definisce un sound ‘terreno’ e ‘terrone’ con la festa come priorità…un sapore folkloristico e balcan si intreccia con il reggae-rock degli ultimi live.

Tra la fine del 2006 e l'inizio del 2007 i Gasparazzo regisitrano l'album al K-lab di Napoli ed allo Urs studio di Villa Minozzo (RE) con la divertente collaborazione dei compari Giuseppe Fontanella (24Grana) e Simone Filippi (Ustmamo’). Il disco uscirà a maggio 2007 su etichetta Self.

Chitarra, basso, batteria, fisarmonica laptop, tromba, voce e cori: questo è il set diretto e molto ritmato, che rende i concerti festosi e colorati.

Antifascismo ed antirazzismo sono caratteristiche fondamentali dello spirito dei Gasparazzo. A dar maggior forza a questo ideale è un progetto parallelo a quello del quartetto che vede i musicisti a confronto con altre realtà artistiche in spettacoli unplugged ed installazioni esclusivamente legati alla memoria partigiana ed alla resistenza italiana.

Altro particolare rilevante è l’importante collaborazione dei teramani Alessandro e Generoso con l‘Istituto Storico della Storia Contemporanea (ISTORECO), l’associazione “Materiale Resistente” ed il regista Gabriele Tesauri, che li vede coinvolti in progetti legati soprattutto alla memoria della resistenza italiana mediante diverse realizzazioni, tra le quali il recente cd prodotto dal comune di Nonantola (RE): “Rosso Albero”.


ALESSANDRO CAPOROSSI VOCE - TROMBA - CIANGUTT'

NICOLA BONACINI BASSO - CONTRABBASSO - VOCE

GIANCARLO CORCILLO FISARMONICA - SINTH - PERCUSSIONI

LORENZO LUSVARDI BATTERIA - PC - PROGRAMMI

GENEROSO PIERASCENZI CHITARRE - CORI - LOOPS - CAMPIONI


Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia