Go to English Version (Not available)

Testi di Gino Adamo. Pagina realizzata da Luigi Farina

Data ultima revisione: 3 Agosto 2001

 

Jean-Claude Jaillette: Il cibo impazzito

EDITORIALE


Se questo sito ti piacerà: Proponilo ai tuoi amici, cliccando quì!


torna all'indice degli articoli

           In un libro-reportage, agile e approfondito, il giornalista francese, Jean-Claude Jaillette, affronta i temi drammatici dell’alimentazione: dal caso della "mucca pazza", forse il più clamoroso, ai polli alla diossina, e alle tante vicende di mala-alimentazione, di cui sviscera gli aspetti sanitari, politici,economici, istituzionali e mediatici. Sotto accusa, è, in pratica, l’intera struttura dell’industria agro-alimentare. L’inchiesta di Jaillette si occupa in particolare di Francia e Belgio, ma i sensibili tasti che egli tocca nel libro, esulano ormai dai confini strettamente nazionali, per investire l’intera Europa. Ma è un panorama che ha dimostrato di coinvolgere, in molte situazioni, l’intero pianeta. Anche, sotto questo specifico profilo, si può parlare di globalità delle questioni evidenziate dal libro: anzi globalizzate, dovremmo dire, per usare un termine di stretta attualità. 

          Da tempo le notizie sui rischi dell’alimentazione hanno allarmato milioni di consumatori: l’intera industria alimentare del mondo occidentale è parsa a rischio. Ben poco s’è salvato dei nuovi fattori della produzione alimentare. Dai centri di acquisto, al sistema dei trasporti, alla catena del freddo. In questo percorso emergono molte possibilità di incidenti, di errore o di inefficienza. Da questa vulnerabilità della rete distributiva mondiale provengono i maggiori pericoli per la salute di milioni di consumatori, che, ignari, vanno incontro a gravi forme di intossicazione alimentare. 
Dai polli alla diossina alla carne agli ormoni non si contano più gli episodi di cibi a rischio registrati non solo in Francia e in Belgio, ma, altresì in Inghilterra, Olanda, e nel resto d’Europa. Gli esperti sostengono che siamo di fronte alla conseguenza di un impianto economico e politico globale, che coinvolge soggetti diversi (industrie della produzione e della trasformazione, istituzioni, veterinari, sindacati di categoria, reti distributive). Il caso delle carni agli ormoni esploso nel dipartimento di Mulhouse nel 1993 dovrebbe pur insegnare qualcosa.

            Nel libro di Jaillette emerge chiaramente la responsabilità delle grandi multinazionali dell’alimentazione e delle lobby che controllano la produzione di ormoni per animali e di organismi geneticamente modificati. Così si definiscono anche le discutibili decisioni politiche che hanno permesso l’apertura dei mercati europei ai cereali transgenici. 

           La domanda a questo punto è una sola: che fare?

           Nel libro non c’è una risposta esplicita: d’altronde, non spetta al cronista emettere pareri su situazioni complesse come quella dell’alimentazione mondiale. La risposta bisognerebbe, forse, cercarla nella patologia del mercato globale, che, per moltiplicare i profitti di un gruppo di cinici padroni del vapore, ben poco si cura delle conseguenze a largo raggio che ricadono sulla salute dell’intera umanità.Vorremmo sbagliare, Mr Bush!

torna all'indice degli articoli



Buona lettura dalla redazione

Mondo con nuvole in movimento

Logo L. F. Soft

L. F. Soft di Luigi Farina
E-mail: lfarina52@hotmail.com

L. F. Soft