Le Ricette di Pasquale Franzese - Chef

Pasquale Franzese

             

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 22/02/2016 alle ore 18.04.42

Friarielli con salsiccia

Maiale

Questa ricetta, nel giorno 22-08-2019, è stata vista 0 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 1.418 volte, nel 2017 è stata vista 15.838 volte,
e nel 2018 è stata vista 14.069 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Pasquale

Chef e Docente di ristorazione

Dosi per: 10

1kg salsicce di maiale
4 kg friarielli “10 fasci di friarielli”
10 gr spicchi d’aglio
5 gr peperoncino rosso q.b
olio evo
sale

Regione: campania

Esecuzione:

Pulire i friarielli “sono le infiorescenze delle cime di rapa chiamate anche come broccoli friarielli o broccoli di rape”, lavarli in abbondante acqua fredda.
Sbianchire i friarielli “perazione che consiste nell’immergere un alimento in acqua bollente e, quando questa ha ripreso il bollore, va scolato e raffreddato in acqua ghiacciata”, questa operazione la faccio per togliere la nota amara dai friarielli.
In una casseruola preparare un bel fondo di olio con aglio e peperoncino, lasciate soffriggere aggiungere tutti i friarielli e cuocere a fuoco vivo per qualche una decina di minuti, se c’è bisogno aggiungete anche un po’ di acqua.
Aggiungere la salsiccia tagliata a grossi pezzettini e continuate la cottura a fiamma bassa, ricordatevi di salare, bucherellare le salsicce e di girare di tanto in tanto.

Vino:

Le Ghiaie è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata, Cannonau di Sardegna Riserva ottenuto da uve Cannonau in purezza. Temperatura di servizio e accostamenti al cibo: 16 °C con arrosti di carne e selvaggina, salsicce, formaggi invecchiati e piccanti.

Note:

non posso dimenticare le mie origini.....
non tutti lo sanno, che esistono due qualità di friarielli chiamati in gergo i 900 e 700, i primi vengono seminati verso la fine di Settembre e raccolti da fine Novembre, i secondi vengono seminati a agli inizi di Novembre e raccolti da metà Gennaio. La differenza tra i due è che i primi restano con una nota dolciastra mentre i secondi restano con una nota amara. È una verdura che viene servita con la pizza, focacce, panini, per fare risotti, per essere mangiata come street food.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità



















Copyright ©2019 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.