Le Ricette di Pasquale Franzese - Chef

Pasquale Franzese

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 14/03/2018 alle ore 06.53.53

Coniglio alla cacciatora

Secondi - Coniglio, selvaggina

Questa ricetta, nel giorno 20-09-2018, è stata vista 0 volte

Nel 2016 (dal giorno 03/09/2016) è stata vista 0 volte, nel 2017 è stata vista 0 volte,
e nel 2018 è stata vista 13.502 volte

le statistiche delle ricette inserite nei Blog sono state attivate il 03/09/2016

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

Dosi per: 10

1,2 kg coniglio “tagliato a pezzi”
200 ml aceto di vino bianco o 2 n° limone
100 ml vino bianco
20 gr capperi
3 n° foglie alloro
500 gr pomodoro pelati frullati
10 gr aglio
50 gr olive nere
5 gr rosmarino

Regione: Campania

Esecuzione:

Mettere a marinare i pezzi di coniglio con acqua e aceto per 6 ore.
In una padella versare l’olio, l’aglio e il coniglio.
Lasciare soffriggere per qualche minuto.
Bagnare con vino bianco..
Aggiungere capperi e olive nere e lasciare rosolare per qualche minuto.
Versare il pomodoro e gli aromi.
Lasciare cuocere per un’oretta.
Salare e servire.

Vino:

Cantina Piero Mancini: Burberino Frizzante

Vino Frizzanre Rosso
Gustosissimo vino frizzante rosso, ottenuto per spremitura leggera da uve rosse.

Note:

Il coniglio alla cacciatora è un piatto tradizionale italiano, la ricetta è diffusa in tutta Italia e ciascuna zona presenta la propria ricetta peculiare originale, è la Toscana a rivendicare le origini di questo antico piatto. Questa regione è la patria dei sapori più antichi e intensi della penisola italiana e non sorprende che la diffusione di un piatto del genere sia partita proprio da qui. Il coniglio alla cacciatora deve il suo nome agli aromi utilizzati per insaporire il piatto, tipicamente aglio, rosmarino e alloro. Questi, infatti, erano i condimenti che i cacciatori utilizzavano per insaporire le prede appena cacciate. Le due varianti principali della ricetta del coniglio alla cacciatora sono in bianco o con passata di pomodoro. La ricetta toscana preferisce la versione al sugo, con l’aggiunta di olive che diano colore al piatto. A Roma, invece, la versione in bianco è molto più diffusa e spesso il coniglio è accompagnato da funghi. A Napoli vengono messe le olive nere e in alcuni casi i capperi.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 

 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


-Coniglio alla cacciatora ( - )


-Coniglio alla cacciatora ( - )


-Coniglio alla cacciatora ( - )


-Coniglio alla cacciatora ( - )


-Coniglio alla cacciatora ( - )









Copyright ©2018 - spaghettitaliani.com - Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale.