Luglio

2002

Spaghetti Italiani - Portale di Gastronomia

Luglio

2002

 

Home Page

 

Le Ricette

Bevande

Antipasti

Primi

Secondi

Salse

Contorni

Frutta

Conserve

Dolci

Gelati

Pane

 

I Ristoranti

Scegli regione

 

Speciale Vini

I vini

Le cantine

 

Magazine

Gli Avvenimenti

Articoli del mese

Indice articoli

Album delle foto

Archivio NewsLetter

 

Le Vetrine

 

Diventa uno di noi

Entra nella Comunità di Spaghetti Italiani dove potrai incontrarti con altri amici, discutere con loro, scambiare foto e files, e lasciare messaggi o aprire discussioni.

Promozioni

Visualizza tutte le promozioni in atto, le offerte a te riservate, potrai trovare libri a condizioni particolari, e tant'altro ancora

Lavora con noi

Siamo in forte espansione e cerchiamo collaboratori in tutta Italia per la vendita spazi pubblicitari.

Se sei interessato riempi il modulo, sarai contattato.

La nostra storia

La storia di Spaghetti Italiani attraverso le sue Home Page.

Ogni inizio mese cambiano sia nei contenuti che nella grafica.

Un piatto di spaghetti al pomodoro senza le foglioline di basilico, scusate, ma è come una "bella senz'anima"... "Ocymum Basilicum" in latino, ma "Basilikòs" per i greci: pianta regale, degna di un re. E noi siciliani come "basilicò" l'abbiamo accettato nella nostra lingua.

Vita difficile quella del basilico, ma il suo profumo fu più forte delle dicerie e delle superstizioni se pensiamo che per i romani fu addirittura il simbolo dell'odio.

Arrivarono a scrivere che dal basilico, tritato e masticato, posto sotto una pietra, nascessero gli scorpioni!

La medicina antica lo considerò pianta dannosa, eppure lo stelo pare sia un efficace antitumorale a livello dello stomaco.

Per sua fortuna nel Seicento il botanico Castore Durante trovò che "esso giova alle passioni e genera allegrezza".

Meno male.

Nel primi anni del Trecento ebbe grande successo questa ballata portata in giro dai giullari:

Qual'isso fu lo malo cristiano,
che mi furò la grasta
del basilico mio selemontano?
Cresciut'era in gran podestà
ed io lo chiantal colla mia mano...
Fu lo jornu di la festa;
chi guasta l'altrui cose è villania.
Chi guasta l'altrui cose è villania
e grandissimo è il peccato.
Ed io la meschinella
ch'io m'avia una grasta seminata
tant'era bella e all'ombra mi dormia
dalla genti invidiata
fummi furata davanti alla porta.
... e tutta mi sanava
tant'avea freschi gli audori.
E la matina quando la naffiava
alla levata del sole
tutta la genti si maravigliava:
d'onde vien cotanto audore....

I bellissimi e dolcissimi versi ci ricordano la "triste historia" di Isabetta da Messina che Boccaccio fa raccontare da Filomena, nella V novella della 4a giornata del Decamerone. Racconta Filomena che la messinese Isabetta si era innamorata di Lorenzo, un giovane garzone della bottega dei fratelli che facevano i mercanti.

Non era proprio un amore platonico...

La tresca venne fuori, a galla, quando uno dei fratelli vide la sorella recarsi di notte nella stanza del giovane amante. Decisero, quindi, di lavare nel sangue l'onore, come s'usava dalle nostre parti....

Insomma, un delitto d'onore.

Seppellirono il cadavere in campagna dicendo in giro di averlo mandato in Toscana per affari. L'ucciso, però, apparve alla bella Isabetta raccontando tutto per filo e per segno e indicando pure il luogo esatto dov'era seppellito.

Di notte, Isabetta andò a scavare e non potendo portarsi via l'intero corpo, si fa accontentò della testa che nascose in un vaso di basilico.

Innaffiato ogni mattina con le sue lacrime, quel "basilico selimontano" cioè salernitano, della ballata cresceva rigoglioso e ricco "di audore"...

I fratelli però scoprirono il segreto di quel vaso e per paura di essere accusati del delitto, si trasferirono a Napoli con la sorella.

Isabetta però vi morì di dolore, alcuni giorni dopo...

E una delle nostre belle storie romantiche, immortalata dalle pagine del Boccaccio.

I vasai siciliani, nel ricordo di quella storia d'amore (... e di basilico), modellano ancora oggi le "graste" cioè i vasi, in modo da rappresentare la testa umana: la testa del povero Lorenzo.

Per fare il paio c'è anche quella della innamoratissima Isabetta...

Forse non è vero niente, come al solito, e si tratta soltanto di una, "trasposizione plastica" dell'antico nome del vaso che, in latino, si chiama appunto "testa"....

Il vaso di basilico rimase nella nostra fantasiosa simbologia come "simbolo significante" della donna che attende l'amante, della donna innamorata....

Come tale, e fino a tutto l'Ottocento, fu l'insegna di mestiere della "Cassariote" palermitane: signore di "petites vertus" che esercitavano il mestiere più antico del mondo nel vicoli del "Cassaro morto", il Corso Vittorio Emanuele.

Ce lo ricorda Giuseppe Tomasi di Lampedusa: il Gattopardo, stufo dei "Gesummaria" dei rapporti coniugali con la Principessa-consorte, se ne andò nel Cassaro a trovare Mariannina che "teneva la grasta di basilicò" alla finestra....

Non era ancora tempo di luci rosse.

Indispensabile negli spaghetti al pomodoro, il basilico è stato rivalutato in medicina: ha virtù digestive, carminative e diuretiche.

Stimola l'appetito e poi ha pure il potere di tenere lontano le zanzare. Un suggerimento, quindi, per le signore che volessero tenerlo davanti alle finestre...

Senza offesa, per carità.

Tratto da: “Palermo è …..” di Gaetano Basile, edito da Dario Flaccovio Editore di Palermo.

 

Hanno detto di noi

In questa sezione potrai leggere cosa hanno scritto sul nostro portale.

Se trovi qualche articolo che parla di noi segnalacelo!

Le Foto del mese

Ogni mese vi presentiamo in queste pagine delle foto di località, manifestazione, piatti, vini, ...

In più potrete partecipare ad un simpatico forum sulla fotografia.

Links

Visita i Links dei siti che scambiano con noi il loro banner. Servizio utile per diffondere sempre di più quanto di buono si trova in rete e trovare quanto ti può interessare.

Aggiungi un sito

Modulo di adesione per scambio banner, dove ci puoi proporre il tuo sito, scegliere la categoria dove inserirlo e prelevare uno dei banner nella: Galleria Banner

News Letter

Registrati al servizio di NewsLetter!

Sarai informato mensilmente delle modifiche e novità del sito.

Bacheca

Questo spazio ti appartiene, puoi lasciare messaggi e leggere cosa hanno scritto i tuoi amici.

Inoltre potrai partecipare ad un simpatico sondaggio.

Piccoli annunci

Spazio per annunci di ogni tipo.

Realizzazione: Luigi Farina ( lfarina52@hotmail.com )

ottimizzato per 1024x768 pixel

Logo L. F. Soft

 

L. F. Soft

L. F. Soft di Luigi Farina

E-mail: info@spaghettitaliani.com